5 consigli per risparmiare sull’uso delle cartucce

risparmiare uso delle cartucce

Vi piacerebbe risparmiare sull’uso delle cartucce della vostra stampante? Se la risposta è positiva siete in ottima compagnia e, di seguito, abbiamo ipotizzato 5 strade che vi permetteranno di approcciare a questo mondo in modo molto più conveniente!

Acquistare a prezzi più bassi

Il primo consiglio è naturalmente quello di acquistare le cartucce alle migliori condizioni di mercato. Sul sito internet Cartucce.com potete ad esempio trovare cartucce per ogni stampante Epson ai prezzi migliori del web. Perché non partire da qui?

Cambiare font

Due anni fa, uno studente quattordicenne a Pittsburgh aveva creato scalpore dimostrando come il governo degli Stati Uniti avesse potuto risparmiare ben 234 milioni di dollari all’anno stampando i suoi documenti con il carattere Garamond invece che con il Times New Roman. Mentre quella scoperta è stata alla fine screditata, l’istinto dell’adolescente aveva però ragione: la scelta del carattere tipografico può fare la differenza nel consumo di inchiostro.

In particolare, un test di Consumer Reports ha scoperto che si può risparmiare il 27 percento di inchiostro usando Times New Roman piuttosto che Arial, un font predefinito in molti browser. Calibri e Century Gothic hanno entrambi sovraperformato anche Arial.

Stampare in bianco e nero

La stampa a colori dovrebbe essere riservata solamente nelle condizioni in cui è realmente utile e indispensabile. Pertanto, modificate le impostazioni predefinite della vostra stampante in bianco e nero (o in scala di grigi), risparmiando così sulle cartucce a colori, quelle più costose.

Togliete dal documento tutto il superfluo

Molti siti web vi consentono di selezionare il testo più utile, o rimuovono automaticamente gli annunci e le immagini a colori, lasciando dunque in fase di stampa il solo testo. Se il sito che state leggendo non offre questa opzione, ci sono servizi come Instapaper, Clean Print o Print Friendly, che possono aiutarvi a riformattare il testo da soli, risparmiando su carta e inchiostro. Alcuni addirittura consentono di saltare del tutto il processo di stampa e di salvare l’articolo per future letture su laptop, tablet o smartphone. Perché non provarci?

Aggiornare la propria stampante

Le stampanti variano tutte per quantità di inchiostro utilizzata. Mediamente, però, le stampanti laser sono conosciute per un più basso costo per pagina e per velocità di stampa elevate. Le stampanti a getto d’inchiostro sono in deficit, ma non tanto: i nuovi modelli sono infatti particolarmente economici, e hanno recuperato parecchio terreno sulle loro principali concorrenti.

Cercate pertanto di informarvi anticipatamente su quali siano i costi per pagina stampata, valutate il costo fisso iniziale di acquisto della stampante, e cercate di ipotizzare quale potrebbe essere le necessità di stampa che avete all’interno di un anno. Fatto ciò, avrete probabilmente gli elementi più utili per poter procedere all’acquisto della vostra “migliore” stampante, evitando acquisti che potrebbero poi rivelarsi insoddisfacenti nel medio termine.

E voi che cosa ne pensate? Quali sono le accortezze che di norma riuscite ad applicare per poter garantire un congruo risparmio nei processi di stampa e, soprattutto, nel consumo delle vostre cartucce per stampante?

Recommended For You

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

erasmus plus
Giovani, a Norcia i primi volontari del Corpo Europeo di Solidarietà
erasmus plus
ERASMUS Plus: da oggi disponibile il social network dell’agenzia nazionale per i giovani
ricerche fai da te
Quattro adolescenti su cinque in Italia cercano diagnosi fai da te su internet
Maturità
Figli Biologicamente Egoisti, la loro corteccia prefrontale non è ancora attiva
tema scolastico
Come impostare un tema scolastico
metodo di studio
L’importanza di avere un metodo di studio
riassunto scolastico
La tecnica per fare un riassunto scolastico
pagelle per dirigenti
Scuola: in arrivo le pagelle per dirigenti scolastici