Bere il Rooibos per sentirsi bene.

Molto noto anche come redbush o tè rosso africano, si tratta di un infuso ricavato dalle foglie dell’omonima pianta. Il Rooibos è in apparenza molto simile ad un tè qualsiasi, infatti, per ottenere la bevanda bisogna mettere in infusione in acqua bollente le foglie, precedentemente essiccate e tritate. La preparazione tradizionale prevede la raccolta di foglie e ramoscelli, che poi vengono sminuzzati con pestelli di legno, poi fatti fermentare. Si ottiene, per infusione, un liquido dal colore rosso ambrato e dal sapore naturalmente dolce, tanto che gli esperti suggeriscono di bere il Rooibos al naturale.

Altri motivi per bere il Rooibos sono che, a differenza del tè, che contiene teina (un derivato delal caffeina), il redbush ne è totalmente privo.  Inoltre, il contenuto di sostanze antiossidanti del Rooibos è pari a quello del tè nero e del tè verde. Quindi anche i bambini possono bere il Rooibos senza controindicazioni.

E’ possibile trovare il Rooibos puro o quello aromatizzato, sia sfuso che in bustine. Per chi ha quello sfuso, la dose da mettere in infusione è un cucchiaino di foglie per ogni tazza.

 

Related Posts

Add Comment

erasmus plus
Giovani, a Norcia i primi volontari del Corpo Europeo di Solidarietà
erasmus plus
ERASMUS Plus: da oggi disponibile il social network dell’agenzia nazionale per i giovani
ricerche fai da te
Quattro adolescenti su cinque in Italia cercano diagnosi fai da te su internet
Maturità
Figli Biologicamente Egoisti, la loro corteccia prefrontale non è ancora attiva
tema scolastico
Come impostare un tema scolastico
metodo di studio
L’importanza di avere un metodo di studio
riassunto scolastico
La tecnica per fare un riassunto scolastico
pagelle per dirigenti
Scuola: in arrivo le pagelle per dirigenti scolastici