Decreto Scuola: niente fondi per gli istituti privati

Decreto scuola: parliamo delle scuole paritarie. Ieri una conferma dai rappresentanti delle associazioni dei gestori di istituti scolastici non statali, Il decreto accorderà poco meno di 400 milioni in tre anni a tutto il mondo dell’istruzione.
Si parla degli istituti privati solo quando si fissa il divieto di fumo a scuola. Tutta l’erogazione è destinata a spese per «istituzioni scolastiche statali»: laboratori, acquisto di libri, wireless.

Per quanto riguarda il sostegno agli studenti disabili, il contributo non sarà rivolto agli istituti paritari.
Si parla di potenziamento degli insegnanti di sostegno nelle scuole statali: «Se tale previsione esprime un’attenzione ai diritti degli alunni disabili, ci permettiamo di ricordare che ci sono anche 11.878 alunni disabili che frequentano le paritarie», commenta su Avvenire di Marco Masi, presidente di CdO-Opere educative-Foe. «L’onere per l’insegnante di sostegno in tali realtà, a parte il caso delle primarie convenzionate, è a totale carico delle famiglie e delle scuole. Anche in questo caso se è il diritto dell’alunno quello che si vuole tutelare maggiormente, dobbiamo rivendicare l’assoluta parità di diritti per tutti gli alunni disabili, qualunque sia la scuola frequentata».

Related Posts

Add Comment

erasmus plus
Giovani, a Norcia i primi volontari del Corpo Europeo di Solidarietà
erasmus plus
ERASMUS Plus: da oggi disponibile il social network dell’agenzia nazionale per i giovani
ricerche fai da te
Quattro adolescenti su cinque in Italia cercano diagnosi fai da te su internet
Maturità
Figli Biologicamente Egoisti, la loro corteccia prefrontale non è ancora attiva
tema scolastico
Come impostare un tema scolastico
metodo di studio
L’importanza di avere un metodo di studio
riassunto scolastico
La tecnica per fare un riassunto scolastico
pagelle per dirigenti
Scuola: in arrivo le pagelle per dirigenti scolastici