Sciopero: 25 novembre si sciopera per la scuola e per le donne

Lunedì 25 novembre è stato indetto uno sciopero generale che riguarda non solo la scuola, ma anche i lavoratori del settore pubblico, privato e le donne. La protesta nasce contro la precarietà dell’occupazione ed anche e soprattutto contro la violenza sulle donne.

Aderiranno allo sciopero SISA, Slai Cobas e Usi, nella protesta sono uniti anche il personale docente e non docente della scuola, sia precari che di ruolo.
Anche tutte le donne lavoratrici di ogni settore sia pubblico che privato, si uniranno alla protesta.
“Scioperiamo. Per fermare la cultura di genere” questo l’appello di tre giornaliste  freelance, Adriana Terzo, Barbara Romagnoli e Tiziana Del Pra. E’ lontana la nascita dell’idea del panno rosso per le donne che protestano.
Si bloccano anche i trasporti per quattro ore dalle 16 alle ore 20.00.
Nella giornata  di lunedì 25 novembre i lavoratori precari della pubblica amministrazione saranno in piazza con dipendenti e impiegati nelle scuole, le donne saranno vestite di rosso tutti contro la violenza.
Possibili i disagi anche nella aule scolastiche dove non si svolgeranno  le lezioni regolarmente.

 

 

 

Related Posts

Add Comment

erasmus plus
Giovani, a Norcia i primi volontari del Corpo Europeo di Solidarietà
erasmus plus
ERASMUS Plus: da oggi disponibile il social network dell’agenzia nazionale per i giovani
ricerche fai da te
Quattro adolescenti su cinque in Italia cercano diagnosi fai da te su internet
Maturità
Figli Biologicamente Egoisti, la loro corteccia prefrontale non è ancora attiva
tema scolastico
Come impostare un tema scolastico
metodo di studio
L’importanza di avere un metodo di studio
riassunto scolastico
La tecnica per fare un riassunto scolastico
pagelle per dirigenti
Scuola: in arrivo le pagelle per dirigenti scolastici